Titolo

Qui trovi tutti gli ultimi articoli pubblicati.

Archivio mensileMaggio 2019

Rogue One, come rianimare i morti

Rogue One, lo spin off di Star Wars che racconta la storia inedita di come l’alleanza ribelle sia riuscita ad impossessarsi dei piani per distruggere la famigerata Morte Nera, evento che da il là alla trilogia classica è stato un evento epocale. Il film è bello, sotto ogni punto di vista ma quel che ha colpito molti fan della saga è l’abilità con cui il regista Gareth Edwards sia riuscito a far rivivere sullo schermo addirittura del film originale, ormai morti da oltre 20 anni.

Trattandosi di un prequel spin off di un film uscito nel 1977 è ovvio che alcuni fra gli attori più anziani siano sfortunatamente scomparsi, ma quando si tratta di personaggi importanti per la trama del continum cinematografico tutto si può risolvere grazie alla cgi o più comunemente nota come computer grafica. In Rogue One a tornare a calcare il grande schermo ad oltre 20 anni dalla morte reale è toccato a Peter Cushing nei panni del capitano Grand Moff Tarkin, visto il suo ruolo fondamentale nello svolgimento degli eventi.

La cosa però non è piaciuta ad una parte della critica che ha sollevato la questione morale, per altro già discussa in passato, su quanto sia giusto o meno riesumare attori deceduti per il bene dello spettacolo. Ricorderete sicuramente le sfortunate morti di Paul Walker (Fast and Furious 7), Brandon Lee (Il Corvo) o Oliver Reed ( Il Gladiatore), bene allora saprete anche che la cgi è già stata impiegata per il completamento dei suddetti titoli.

Non è nostra intenzione in questa sede discutere in merito all’etica della correttezza delle scelte dei registi, ma bisogna ammettere che la tecnologia oggi è in grado di regalarci davvero qualcosa di unico, l’importante è non abusarne.

Un corso per la recitazione professionale

Sogni di diventare un attore o un’attrice di fama internazionale? Vorresti affinare le tue tecniche interpretative? Il corso di recitazione di REA RomEur Academy potrebbe essere il percorso formativo perfetto per te. Se vuoi trasformare questa passione in un vero lavoro, questa è la strada giusta da percorrere!

 

Impara dai migliori attori al corso di recitazione

Capo saldo del metodo di insegnamento di REA RomEur Academy è, da sempre, l’esperienza sul campo. Sui libri si può e si deve studiare, ma per mettere a frutto quanto appreso, la cosa migliore è sempre fare esperienza in prima persona. Anche il corso di recitazione è permeato da questa ideologia didattica, per questo l’accademia ti offre solo docenti appartenenti al settore dello spettacolo.

Hai capito bene, studierai e proverai con veri attori di teatro, cinema e serie tv, su palcoscenici reali ed anche in aula, per un full immersion in questa meravigliosa forma d’arte. In più, ciclicamente, le sedi di Roma e Napoli ospiteranno grandi nomi dello show business, fra attori, registi e produttori, che terranno lezioni speciali.

 

Come si struttura il corso di recitazione

Il master in recitazione di REA RomEur Academy, prevede 150 ore fra pratica e teoria. Si tratta di un’esperienza formativa davvero completa, che saprà prepararti a dovere per il mondo dello spettacolo, offrendoti tutti gli strumenti necessari per muoverti davanti e dietro le quinte.

Per 3 domeniche al mese, dalle 10:00 alle 18:00, i docenti ti terranno compagnia e, nelle sedi di Roma e Napoli, potrai apprendere tutti i trucchi del mestiere. Durante il corso, inoltre, lavorerai su 2 reali progetti commissionati da vere agenzie di produzione, ed una volta completato il percorso ti verrà dato uno show reel e 2 book fotografici, perfetti da portare ai casting.